Attendere: caricamento in corso

 

Benvenuto su www.orangeroad.it. Oggi è giovedì 23 febbraio 2017, ore


 

FAQ

 
 

DOWNLOAD

 
 

RICERCA

 
 

CONTATTI

 
 

CREDITI

 


LE ORIGINI DI MADOKA

   

Il personaggio di Madoka non è il risultato della pura fantasia dell'autore. Questo è un dato di fatto reso evidente da una serie di elementi.

C'è una tavola nel volume 15 del manga (edizione originale giapponese): in questo disegno, Izumi Matsumoto rappresenta in parodia il suo studio di lavoro nel quale, insieme alle varie strutture, ai suoi collaboratori e a se stesso, "troneggia", alla sua destra, il poster di Phoebe Cates. La cosa non passa inosservata a un appassionato di Orange Road, anche perché negli anni '80 questo personaggio viveva l'ascesa della sua fama. Splendida attrice americana (New York, 16/7/1963), all'anagrafe Phoebe Belle Katz è stata la protagonista di diversi films.

Diversi particolari, oltre al suddetto poster, provano che Matsumoto si ispirò a questa leggiadra ragazza per creare il personaggio di Madoka: molti sguardi, espressioni, e pose della Phoebe sono anche quelle del personaggio femminile per eccellenza del mondo KOR. La foto a lato non ricorda la Madoka dell'episodio 19 dell'anime (capitolo 21 del manga) "L'isola dell'amore proibito"? Uno dei maggiori successi dell'attrice fu il film "Paradise" (USA 1982, regia di Stuart Gillard), testualmente citato da Kyosuke nell'anime non censurata italiana, interpretato dalla Cates e da Willie Aames, dove i due protagonisti vivono un'avventura in un ambiente "tropicale" simile a quello descritto nell'episodio di KOR. L'analogia con il suddetto episodio è evidentissima.

Figlia del regista e produttore Joseph Cates, Phoebe ha frequentato la Professional Children's School di New York e la School of American Ballet. Il suo futuro come ballerina si interrompe nel 1977 a causa di un infortunio al ginocchio, così inizia a lavorare come modella, fotomodella e interprete di spot pubblicitari. Nel 1982 debutta sul grande schermo e interpreta due film: "Fuori di testa" di Amy Heckerling e "Paradise" di Stuart Gillard. Grazie a quest'ultimo raggiunge subito il successo internazionale, confermato dalla successiva interpretazione in "Gremlins" (1984) di Joe Dante. Le successive apparizioni non sono altrettanto fortunate e quando nel 1989 sposa l'attore Kevin Kline decide di rallentare gli impegni cinematografici per dedicarsi alla famiglia e ai due figli, Greta e Owen. Nel 2002 è tornata sugli schermi internazionali con "The Anniversary Party" di Alan Cumming e Jennifer Jason Leigh.

Inoltre Matsumoto si è ispirato anche a una nota cantante e attrice giapponese, Akina Nakamori, per "costruire" gli atteggiamenti e la personalità di Madoka. Alcune foto ricordano moltissimo la protagonista di KOR. In questo caso le parole dello stesso Matsumoto in un'intervista rilasciata nel 1993 sono indicative: "Quando iniziai a lavorare a KOR, nel 1984, una cantante di nome Akina Nakamori stava ottenendo un grande successo. Fino ad allora tutte le cantanti avevano sempre sfoggiato visi e mode da brave ragazze, ma questa aveva l'aria da teppistella. Fu proprio la sua diversità che mi colpì. Neanche tra i fumetti esisteva una protagonista con un carattere così ribelle, e anche se mi sembrava impossibile che potesse essere amata dai lettori, rimasi talmente impressionato dal carattere di Akina Nakamori che mi venne una gran voglia di creare un personaggio che avesse il suo stesso atteggiamento."

Akina Nakamori è nata a Tokyo il 13 luglio del 1965. Il suo debutto di cantante è nel maggio del 1982 con il singolo "Slow Motion". Da questo momento comincia la sua ascesa come artista che la porterà a risultati eccezionali nella vendita discografica in Oriente. In tempi recenti ha realizzato il suo sogno di creare la propria casa discografica ("Utahime Records").


Kimagure Orange Road © Izumi Matsumoto/Shueisha/NTV/VAP/Toho/Studio Pierrot