Attendere: caricamento in corso

 

Benvenuto su www.orangeroad.it. Oggi è martedì 22 agosto 2017, ore


 

FAQ

 
 

DOWNLOAD

 
 

RICERCA

 
 

CONTATTI

 
 

CREDITI

 


ALLA RICERCA DI ORANGE ROAD IN GIAPPONE

   

Prima o poi sarà capitato a tutti i fans di desiderare di trovarsi nei luoghi magicamente dipinti da KOR. Ma pochi in effetti sanno che molti dei luoghi in cui si ambienta Orange Road (soprattutto il secondo film, Shin KOR) esistono davvero nel paese del Sol Levante. Questa sezione è alla continua ricerca di documentazioni fotografiche dei luoghi, attraverso un viaggio virtuale (o reale!) dei fans.

Il viaggio di Mike

Foto 1

Mike è un fan spagnolo di Orange Road che ha compiuto un viaggio a Tokyo alla ricerca dei luoghi cari ai fans. La prima foto (foto 1) ritrae una tranquilla strada di Tokyo di cui non è molto difficile immaginare il nome (anche perché basterebbe leggerlo sulla colonna su cui è appoggiato il nostro amico). Combinazione o realtà? Da altri viaggi in Giappone sembrerebbe che dare alle strade i nomi dei colori sia in realtà una pratica molto diffusa, e che quindi non ci debba essere necessariamente un collegamento fra l'Orange Road di questa foto e quella del nostro manganime (che, ricordiamo, è la strada in cui si trova l'Abcb, ma in realtà è probabilmente un nome simbolico relativo al percorso di vita di Madoka e Kyosuke). Probabilmente non sapremo mai la verità in merito a questa questione. In ogni caso, è quanto meno significativo il fatto che Mike sia riuscito a trovare a Tokyo (una delle metropoli più grandi del mondo) una strada che porta proprio questo nome.

Foto 2

Lo sfondo della seconda foto è la baia di Yokohama, apparsa in Shin KOR, quella in cui si ambienta l'inizio del secondo film (foto 2), con Madoka e Kyosuke che si trovano appunto nei suoi pressi. Yokohama è situata su una penisola affacciata sul lato occidentale della baia di Tokyo, ed è la seconda città del Giappone per numero di abitanti, capoluogo della prefettura di Kanagawa, situata nel Kantō, nell'isola di Honshu. Nato come villaggio di pescatori, il centro acquistò una importanza come centro portuale a partire dal 1859. Nel 1923 subì la devastazione di un potente terremoto e durante la seconda guerra mondiale le devastazioni dei bombardamenti americani. Fra le zone da vedere a Yokohama ci sono il quartiere dei grattacieli Minato Mirai 21, con la Torre Panoramica (296 m, il più alto edificio del Giappone) e il quartiere cinese, la zona di Yamate (il cimitero degli stranieri e la vista sul porto), e il giardino Sankeien. Nel 2002 la finale della Coppa del Mondo di calcio (evento che fu ospitata contemporaneamente in Giappone e in Corea) fra Brasile e Germania è stata disputata proprio allo stadio di calcio di Yokohama.

Foto 3

Certo, questa ragazza qui fotografata non sarà come la bellissima Hikaru del secondo film, "Shin KOR", ma il soprapassaggio su cui è fotografata è identico a quello di Shin KOR dove il Kyosuke 19enne incontra la Hikaru 20enne (foto 3). Il punto fotografato corrisponde proprio a quello in cui i due ragazzi si fermano a parlare e Kyosuke nota i grandissimi cambiamenti avvenuti nella ragazza. Il riferimento a luoghi reali è una costante in Orange Road, e questo riguarda non solo intere città (come nel precedente caso della baia di Yokohama e, ovviamente, della città di Tokyo), ma anche piccoli particolari, come nomi di edifici o di istituti universitari (ricordiamo - particolare non trascurabile - che Orange Road nacque come commedia scolastica). D'altra parte è plausibile che Izumi Matsumoto e gli altri autori si siano ispirati a luoghi reali, magari quelli della loro giovinezza o i loro luoghi di residenza, o luoghi importanti nel Giappone (e in questo caso si potrebbe parlare dell'intento di promozionare turisticamente il paese nipponico).

Foto 4

In questa foto (foto 4) si vede, ad esempio, che la torre dell'orologio è esattamente quella del campus della "Waseda University". Questo è l'istituto universitario al quale si iscrivono Kyosuke e Madoka nel primo film, "Ano Hi Ni Kaeritai" (i due ragazzi arrivano nel campus in scooter per andare a visionare i risultati dell'esame di ammissione a cui si erano sottoposti qualche tempo prima, ed è proprio con questa scena che inizia e termina il primo film): un altro riferimento a luoghi reali presente in Orange Road. Non è comunque un riferimento di poco conto; la Waseda University è infatti una delle più importanti di Tokyo, fondata nel 1882 da Shigenobu Okuma. La vecchia biblioteca è uno dei simboli di questa università, e nel 1999 fu designata come uno degli edifici storici di Tokyo; fu completata nel 1925 (ampliata nel 1934 e nel 1955), ed ha un'area di circa 4000 metri quadrati. Nella serie TV di Orange Road (proprio come avviene in altre serie animate giapponesi per indicare il trascorrere del tempo o il cambiamento di una scena) si nota spesso ritratto anche l'orologio della scuola superiore frequentata dai protagonisti, la Kôryô, che di fatto non esiste a Tokyo, ma forse in qualche altra parte del paese, ed è probabilmente la scuola frequentata da Izumi Matsumoto. Questo sancisce il forte legame fra KOR e il mondo della realtà: nessun ambiente è più adatto a rappresentare le vicende adolescenziali rispetto a quello scolastico.

Foto 5

Immagine 6

Le due foto successive sono altrettanto significative: a Yokohama, la fontana di Yamashita Park (foto 5) con relativo gemello fotogramma di Shin KOR (immagine 6)! Questo parco è situato nel vecchio centro di Yokohama e offre la veduta di tutta la baia. Visitato dai turisti e dagli abitanti del posto, contiene molti monumenti di una certa rilevanza, alcuni offerti dalla città americana di San Diego. Uno dei più noti è quello denominato "La ragazza con i pattini rossi". Ci sono specie di piante che fioriscono durante tutte e quattro le stagioni e posti di osservazione per una meravigliosa veduta notturna della baia.

Quello che si può dunque ottenere, grazie a queste foto di Mike, è un'altra conferma che gli autori di Orange Road hanno sempre cercato di rendere molto realistica la serie, facendo sì "tuffare" lo spettatore (o lettore) in un mondo di sogni e fantasia ma cercando anche di contestualizzare in un ambiente reale le vicende del triangolo. L'intenzione di promozionare il Giappone e le sue attrazioni è chiara. Considerando questo, l'attività esasperata di censura compiuta in Italia su Orange Road, volta ad eliminare qualsiasi riferimento alla provenienza nipponica dell'opera, può essere probabilmente considerata offensiva nei confronti della cultura di questo paese.

Il viaggio di Garion

Tokyo, 2002

Foto 7

Durante la mia permanenza in Giappone ero ospite di una famiglia nel quartiere di Shibuya a Tokyo (foto 7). Riconoscete il palazzo marchiato con il numero 109? Appare nell'ultimo numero del manga di Orange Road (e in tantissimi altri fumetti e anime). Tokyo non ha un unico centro, come siamo abituati in Italia, e Shibuya è uno di questi. I vari centri di Tokyo sono collegati fra di loro dalla linea ferroviaria Yamanote, tramite un percorso ad anello. Così dalla stazione di Shibuya è possibile raggiungere con comodità Shinjuku, Ikebukuro, Ueno, Akihabara e Tokyo (che è la stazione principale, davanti alla quale si trova il palazzo dell'Imperatore).

Tornando a Shibuya, il 109 (che si dovrebbe leggere tokyu, ma che i Giapponesi chiamano ichi-maru-kyu, cioé uno-zero-nove) si trova praticamente davanti alla sua stazione, una volta usciti dalla porta "Hachiko" (dove si trova per l'appunto la statua del cane Hachiko). È importante segnalare la porta, perché la stazione di Shibuya ne ha diverse. Oltre alla linea Yamanote e alla Saikyo che sono semplicemente di transito, funge da capolinea per altre due linee ferroviarie e altrettante due di metropolitana. Il 109 è in realtà un grande magazzino di abbigliamento femminile, e Shibuya è un po' il quartiere dei giovani.

Foto 8

Una delle cose che bisogna assolutamente visitare a Tokyo è il tempio di Asakusa. Proprio davanti al tempio si trova una strada piena di bancarelle. Accanto a questa ne scorre un'altra, anch'essa piena di negozi... che si chiama Orange Street! (foto 8). Il nome è scritto su tutte le insegne dei negozi. Già ero sorpreso per questo ritrovamento, ma poi un giorno mi sono ritrovato alla stazione di Tokyo, e ne ho visitato il mercato sotterraneo (davvero immenso). Qui i vari viali prendevano i nomi dai colori... e così oltre a Yellow Road e Green Road... c'era anche Orange Road!

Passiamo ora alla domanda che vi farete tutti: che cosa si può trovare di Orange Road in Giappone? Di nuovo, solo i CD del secondo film. Di usato... bisogna avere tanta fortuna. Per l'usato esistono la catena dei Mandarake (ce ne sono 4 a Tokyo: Shibuya, Nakano, Shinjuku e Akihabara), e di K-Books (Akihabara e Ikebukuro). In più ad Akihabara ci sono tantissimi negozi che vendono materiale audio-video usato. Da Mandarake Shibuya ho avvistato gli shitajiki (grandi stampe plastificate di circa 26x18 cm; ne esistono tantissime del mondo di KOR. Ndr), ma il loro prezzo era improponibile (2000 yen, cioé quasi 20 euro, al pezzo). Girando, ho notato che i rodovetri originali potevano avere anche prezzi molto bassi (ho visto un rodovetro di Jeeg a 800 yen), ma di Orange Road non sono mai riuscito a trovarne... finché un bel giorno non è apparso a Mandarake Shinjuku... solo che costava 25000 yen! Nello stesso Mandarake si trovavano anche i modellini in resina di Madoka... dal prezzo ancora più alto: 40000 yen! In questo periodo di larga diffusione dei DVD, era possibile trovare laser disc usati a prezzi stracciati (ho visto i DVD di Evangelion a 400 yen l'uno), e così mi ero messo in testa di prendermi il LD del primo film di KOR, se l'avessi trovato. In effetti, ad Akihabara usato si trovava... ma a 7800 yen! Non so se fosse dipeso dal fatto che in Giappone i DVD di Orange Road non esistono ancora, ma tutto il materiale relativo a questa serie è decisamente caro.

Un buon affare però sono riuscito a concluderlo. Sempre in uno dei negozi imbucatissimi di Akihabara, ho trovato nell'angolo dei box di laser disc il mitico Eternal Collection Sound Color Box! Il prezzo di copertina era 13000 yen, ma il negozio lo vendeva usato a 8800. Il sacrificio è stato estremo, ma non potevo non prenderlo. Non tanto per i 9 mini cd, quanto per il libro della Takada (l'art book Akemi Takada Illustrations), che contiene circa una sessantina di illustrazioni, 30 delle quali sono presenti anche nel "Madoka".

Foto 9

L'ultima e più grande avventura è avvenuta il sabato prima che partissi per tornare in Italia. Mi trovavo a Ikebukuro dove oltre a K-Books vi si trova anche una fumetteria della catena Animate... che qui è talmente grande da occupare un palazzo di 8 piani! Ebbene, ad un certo punto vedo un volantino che pubblicizza una mostra di disegni originali di Akemi Takada (foto 9). Preso al volo, leggo che stava avvenendo proprio in quei giorni. Tutto contento, decido di andarci la domenica... quando mi casca l'occhio sulla scritta che diceva che proprio quel sabato alle 3 del pomeriggio sarebbe stata presente Akemi Takada in persona a firmare autografi... ma solo ai primi 100 arrivati.

Foto 10

In quel momento erano le 11 di mattina, e la mostra era stata allestita a Ginza... cioé rispetto al punto in cui mi trovavo io, direttamente al lato opposto della linea Yamanote. Preso al volo il treno, in mezz'ora ci sono arrivato. Mi sono precipitato al grande magazzino dove si teneva la mostra in tempo per essere 80esimo. Il resto, lo potete vedere da soli (foto 10). Gli originali della Takada erano davvero belli, e venivano messe all'asta delle riproduzioni limitate delle stesse dimensioni degli originali. Ho visto un disegno di Patlabor che aveva raggiunto cifra 270000 yen!! Dato che ovviamente non avevo con me suoi libri di illustrazione (e ricomprarmene uno per l'occasione mi pareva un po' eccessivo), mi sono fatto fare l'autografo direttamente sul poster della mostra (che reca la stessa immagine del volantino, con in più il disegno della copertina del Madoka).


COMUNITÀ KOR

 

UserID

Password

Iscriviti ora! Siamo già in 2700

Recupera i tuoi dati


Kimagure Orange Road © Izumi Matsumoto/Shueisha/NTV/VAP/Toho/Studio Pierrot